2+5x1000arci - CAMPAGNA 2021 "CON ARCI PUOI"
16628
page-template-default,page,page-id-16628,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-18.0.7,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

Arci Milano – AiutArci

Con Arci Puoi…bussare alla porta di ogni casa!

Durante il periodo di lockdown, il Comitato Arci Milano, in collaborazione con il Comune di Milano, ha creato un’ampia rete di sostegno e di solidarietà per cercare di far fronte alle nuove e terribili necessità della città.

Il progetto, dal nome AiutArci a Milano, basato sul concetto rimani a casa, verremo noi a bussare alla tua porta,  è nato per fare la spesa e portarla a casa di chi non può uscire perché anzianə o perché ammalatə o perché lavorando in ospedale meno esce e meglio è.
Un progetto che con il progredire della pandemia è cambiato, come è cambiata la città, e che si è  adattato  per dare una risposta alle nuove povertà generate dal Coronavirus. Tante, troppe, le famiglie che sono rimaste senza un reddito che possa garantire la sopravvivenza. Non c’è solo lə disoccupat
ə che può contare sui contributi dello Stato. Ci sono migliaia di persone che lavoravano in nero o che avevano forme di lavoro precario, che non rientrano nei criteri individuati per assegnare i sostegni. Sostegni che comunque non garantiscono una sopravvivenza dignitosa alle famiglie.

Ecco alcuni numeri del progetto:

65 i giorni di vicinanza sociale;

85 centralinistə volontariə al servizio della collettività;

Più di 16 mila sono le ore di volontariato;

Più di 7 mila sono i pasti caldi cucinati e consegnati casa per casa;

Più di 12 mila i pacchi alimentari depositati su ogni pianerottolo.

Queste le parole di Arci Milano: “Abbiamo sentito in dovere di fermarci, di guardarci intorno, di aiutare chi ha bisogno e di tendere una mano non per allungare la carità, ma per afferrare la mano che ci veniva tesa, stringerla, e ricominciare a camminare insieme.”.

Il progetto non è terminato alla fine del lockdown, AiutArci a Milano insieme a molti medici volontariə, ha allestito un tendone in centro città per offrire “il tampone sospeso” a coloro che non possono permettersi i costi di un tampone chiedendo a chi ha di donare.

Devolvi il tuo 5×1000 e 2×1000 ad Arci, scrivi il codice fiscale 97054400581 e firma per bussare alla porta di ogni casa!